Visualizza articoli per tag: viabilita

Con la fine dell'anno giunge il tempo dei numeri (e dei risultati) che hanno descritto il 2022 della Provincia di Treviso: un anno di grandi investimenti, per un valore complessivo di 144.159.474,89 milioni di euro, necessari per realizzare e proseguire gli interventi programmati nel territorio, su tutti i fronti di competenza: contribuire a migliorare la viabilità, adeguare ed efficientare l'edilizia scolastica superiore e tutelare l'ambiente, riducendo emissioni e sprechi di energia.

 

Le opere sulla viabilità provinciale

 

Nel dettaglio, per quanto riguarda i lavori realizzati per mettere in sicurezza e ottimizzare la rete viaria, la Provincia ha effettuato: la manutenzione ordinaria (aree verdi e alberature, sgombero neve, pulizia, ripristino segnaletica, acquisto asfalto e materiali per gli interventi) in tutti i 1.188 km di strade provinciali in gestione in tutti i Comuni della Marca, per un totale di 3.235.430,47 milioni di euro, svolto opere di manutenzione straordinaria per 8.372.319,23 euro, tra cui asfaltature necessarie in 56 Comuni, per un totale di 89 km asfaltati, ripristino dei dissesti nella S.P. 422 a Fregona, miglioramento delle condizioni di sicurezza nella S.P. 141 a Pieve del Grappa e ulteriori manutenzioni in carreggiate, scarpate e fossi. Sono stati impiegati ulteriori 300.731,23 euro per lavori di somma urgenza, tra cui la messa in sicurezza dei muri di controripa sulla S.P. 635 sul Passo San Boldo e sulla S.P. 152 a Cison di Valmarino e Tarzo, consolidato il versante sempre sulla S.P. 152 a Follina, ripristinato il tratto di attraversamento del Fosso Costarotta a Miane e riqualificata la S.P.92 di Maserada sul Piave in corrispondenza del sottopasso della tangenziale S.P. 102, nonché il sottopasso ferroviario della S.P. 64 a Mogliano Veneto.

 

Sono proseguiti i cantieri cofinanziati con le convenzioni siglate dal 2019 al 2021, per un totale di 9.334.713,34 milioni di euro, da destinare ai Comuni per realizzare rotatorie, piste ciclabili e ciclopedonali, marciapiedi e mettere in sicurezza gli incroci stradali in tutti i Comuni del territorio. Tra i principali lavori portati a termine con il contributo della Provincia, si ricordano, il percorso pedonale sulla S.P. 26 a Borso del Grappa, per 146.000 euro, la sistemazione dell'incrocio tra la S.P 68, tra via F.lli Bandiera, N. Bixio e via Filzi, per 110.000 euro, il percorso pedonale e ciclabile sulla S.P. 100 lungo le vie Casanova e Maso a Paese cofinanziate per 150.000 euro, l'installazione degli attraversamenti pedonali sulla S.P. 66 a Salgareda, cofinanziati per ulteriori 128.000 euro, i lavori di riqualificazione dell'intersezione tra la S.P. 92 e via Lantini a Salettuol di Maserada, per 240.000 euro. Le convenzioni sottoscritte con i Comuni per i bandi di cofinanziamento 2022 ammontano a 1.058.000 euro: i contributi provinciali hanno permesso di finanziare ulteriori 13 opere di messa in sicurezza della viabilità, nei Comuni di Casale sul Sile, Castelfranco Veneto, Cimadolmo, Colle Umberto, Follina, Fonte, Motta di Livenza, Pieve del Grappa, Refrontolo, S. Lucia di Piave, Silea, Vazzola e Villorba.

Alle convenzioni 2022 sopra ricordate, già sottoscritte, si aggiungono anche 36 convenzioni inviate ai Comuni e attualmente in fase di sottoscrizione, per nuovi interventi di riqualificazione che ammontano a 5.303.287,95 euro. Sempre nell'ambito dei bandi cofinanziamento di quest'anno, sono 5 le principali opere già completate: a Caerano San Marco, la sistemazione del semaforo sulla S.P 248 e la realizzazione di un attraversamento pedonale luminoso su via Montello, per 40.000 euro, a Conegliano interventi di regolazione del deflusso delle acque meteoriche sulla S.P. 103, per 14.400 euro, opere di sistemazione dell'incrocio tra la S.P. 51 a Meduna con la strada comunale via Roma vicino al ponte sul fiume Livenza, a Povegliano la messa in sicurezza dell'incrocio tra via Marconi e via Capitello sulla S.P. 56, per 34.000 euro, e infine la sistemazione idraulica a manutenzione straordinaria sulla S.P. 152 a Tarzo, per 101.500 euro.

Infine, si ricordano i progetti e lavori di monitoraggio e messa in sicurezza avviati sui ponti, finanziati nell'ambito del Decreto Ponti, del DM49 e con fondi propri della Provincia per un totale di 13.850.000 milioni di euro, tra cui gli interventi ultimati di manutenzione straordinaria del ponte sulla S.P. 101 ad Asolo, sulla S.P. 34 a Susegana, sulla S.P. 50 a Portobuffolè, le verifiche di capacità portante e vulnerabilità sismica a Monastier e Roncade, sulle SS.PP. 60,61 e 119, sulla S.P. 92 Delle Grave a Maserada e Cimadolmo, le indagini geologiche sulle SS.PP 1, 34 e 64 a Monfumo, Susegana e Casale. Oltre ai lavori sui ponti, sono state manutenute barriere stradali deteriorate ed effettuate nuove installazioni per 483.479,14 euro.

 

Progetti e interventi nelle scuole superiori

 

Sul fronte scuole superiori, gli investimenti totali ammontano a 100.073.592,94 euro, di cui: 61.0701.849, 26 euro per nuove costruzioni e ampliamenti, tra cui si citano principalmente l'avvio della costruzione della nuova sede dell'Einaudi Scarpa e Maffioli a Montebelluna, per un totale di 10.468.407,60 euro, l'ampliamento del liceo Giorgione di Castelfranco, per 3.385.717,20 euro, e del liceo Berto di Mogliano, ulteriori 1.160.000 euro, il progetto della succursale Cà del Galletto del liceo Canova di Treviso, per 7.664.377,04 euro, i progetti del nuovo Casagrande di Pieve di Soligo e del nuovo Città della Vittoria, opere rispettivamente per 9.604.460 euro e 11.783.682,72 euro.

 

Ulteriori 18.489.567, 30 milioni per i progetti e le opere di ristrutturazione e miglioramento sismico, tra cui i lavori di consolidamento dell'ex Convitto Maffioli a Castelfranco, per 1.960.000 euro, della palestra del Sartor, 986.967,30 euro, e della sede, officine e laboratori dell'ITI Galilei di Conegliano, per 6.517.600 euro. La manutenzione straordinaria ha riguardato 15 Istituti, per un totale di 9.563.424 euro, tra cui si ricordano i lavori ultimati sugli infissi e bagni al Rosselli di Castelfranco, 1.200.000 euro, al liceo Duca degli Abruzzi di Treviso, le opere programmate per la pensilina di collegamento con la palestra e il sistema anticincendio, 1.080.000 euro, la riqualificazione del Besta di Treviso, ultimata per 1.150.000 euro, le opere manutentive in corso al Cerletti di Piavon di Oderzo, 858.000 euro. Infine, i numerosi interventi di efficientamento energetico per ottimizzare i consumi e ridurre l'impatto ambientale in tutti gli edifici scolastici, per un valore complessivo di 4.434.226,02 euro, che hanno riguardato la realizzazione di 18 impianti fotovoltaici di potenza complessiva pari a 980 kW, la sostituzione di lampadine tradizionali con oltre 14.200 lampade a led in scuole e palestre, 27 interventi sugli impianti termici, di cui 18 conclusi, 4 in corso e 5 programmati. In termini di impatto ambientale, tutti questi interventi consentono la riduzione di 1.700 tonnellate di CO2 su base annua.

 

I bandi per la tutela dell'ambiente

 

Per quanto riguarda le iniziative attuate dalla Provincia in materia ambientale, nel 2022 sono stati impegnati 900.000 euro di contributi rivolti alle imprese per la sostituzione delle caldaie; per i Comuni, 430.000 euro per la redazione dei piani antenne, 500.000 euro per la riqualificazione delle aree verdi urbane e ulteriori 350.000 euro per i sistemi di illuminazione esterna degli impianti sportivi comunali; per i cittadini, destinati 200.000 euro per la sottoscrizione di abbonamenti annuali MOM per i lavoratori e 122.000 euro per la pulizia delle canne fumarie. Negli ultimi anni, grazie ai bandi provinciali, sono stati risparmiate oltre 4.783 tonnellate all’anno di CO2 che, sommate ai risparmi ottenuti tramite gli interventi di efficientamento energetico nelle scuole superiori, hanno permesso di dare un contributo evidente alla riduzione dell’inquinamento atmosferico nel territorio.

 

Servizi al territorio e attività parallele

 

Oltre agli interventi sopra ricordati, la Provincia di Treviso ha portato avanti nel 2022 numerosi servizi, iniziative e campagne di sensibilizzazione nel suo ruolo di assistenza e supporto agli Enti locali, con le attività di digitalizzazione (SAD) per le Amministrazioni comunali, la concessione degli spazi del Sant'Artemio, l'assistenza grafica, il portale web per la ricerca di fondi europei, gli incontri formativi e informativi sui contributi UE, i servizi della Rete delle Biblioteche Trevigiane, di RetEventi Cultura, del FAST e del Museo Etnografico Case Piavone, la promozione delle pari opportunità, con la brochure sul linguaggio di genere nelle Pubbliche Amministrazioni. Tutti i dettagli sono disponibili al link: https://bit.ly/Provincia-di-Treviso-anno-2022

Pubblicato in Altre news (homepage)

Spargisale attivi in 400 chilometri di strade provinciali. Primi sgomberi neve in montagna

Con l'arrivo della stagione invernale, la Provincia di Treviso ha attivato, come di consueto, il "Piano Neve" preallertando tutte le ditte incaricate per lo spargimento di sale sulle carreggiate e i possibili interventi di sgombero neve nel territorio. Proprio in questi giorni, con il calo delle temperature, si è resa necessaria la prima fase di intervento, che ha coinvolto 24 imprese e 30 mezzi per le operazioni di prevenzione e pulizia del fondo stradale in oltre 400 chilometri di strade provinciali, con lo spargimento di 100 quintali di sale.

Inoltre, viste le nevicate intermittenti nelle zone del Monte Grappa, Passo San Boldo e Alpago-Cansiglio nella giornata di domenica 11 dicembre, la Provincia è intervenuta con 4 ditte nelle ss.pp. 140, 141, 159, 635 e 422 per liberarle dalla neve accumulata e metterle in sicurezza attraverso le operazioni di salatura del manto stradale. Nella mattinata di lunedì 12 dicembre le attività antighiaccio coordinate dal Piano Neve sono proseguite anche sulla s.p. 152.

Le operazioni di controllo, monitoraggio e prevenzione nelle strade provinciali proseguiranno anche nelle prossime settimane.

 

Completati gli interventi di riqualificazione dell'incrocio tra la S.P. 92 “delle Grave” e via Lantini, nella frazione di Salettuol a Maserada sul Piave: oggi, sabato 10 dicembre, si è svolta l'inaugurazione della rotatoria e del percorso pedonale realizzati per mettere in sicurezza l'intersezione, diluire il traffico e proteggere i pedoni che attraversano la strada, garantendo maggiore tutela al centro urbano di Salettuol. La rotatoria, dal valore complessivo di 600.000 euro, è stata finanziata dal Comune di Maserada, che ha coordinato e gestito i lavori, con fondi propri per 360.000 euro e cofinanziata dalla Provincia di Treviso per 240.000 euro, nell'ambito del bando 2021/2022 destinato ai Comuni per realizzare opere di miglioramento della sicurezza della rete viaria provinciale.

Anche il percorso pedonale, situato lungo la comunale via Lantini fino alla fermata dell'autobus, è stato realizzato dal Comune di Maserada con ulteriori 150.000 euro. Nella realizzazione degli interventi sono stati coinvolti lo studio “Albertin & Company” di Conegliano per la progettazione e la direzione dei lavori, mentre le aziende "Impresa Asfalti Piacenza”, "Cogefri Infrastrutture s.r.l." di Rovigo e “Edilstrade Massarotto” di Villorba per l'esecuzione delle opere.


A dare avvio alla mattinata, i saluti istituzionali del sindaco di Maserada sul Piave, Lamberto Marini, e su delega del presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, il consigliere provinciale delegato alla viabilità, Claudio Sartor.


Nel dettaglio, i lavori di riqualificazione dell'incrocio hanno riguardato la realizzazione di una rotatoria sulla S.P.92, dal diametro esterno di circa 40 metri, necessaria per rispondere a due esigenze: da un lato, razionalizzare i flussi di traffico che interessano la strada comunale via Spartaco Lantini, dall’altro calmierare la velocità di attraversamento del centro abitato di Salettuol. L’area situata tra il ramo est di via Lantini verso il centro rotatoria è stata mantenuta come strada senza uscita, a servizio dei residenti, ed è stato creato anche uno spazio per il parcheggio dei veicoli. A sud, invece, è stata predisposta una corsia di accumulo centrale, protetta da aiuole per i mezzi che, provenendo da nord, intendono svoltare a sinistra in vicolo Lantini. Infine, per tutelare la sicurezza dei pedoni e migliorare la visibilità, è stata costruita un’isola protetta in asse alla SP 92 che consente l'attraversamento della Provinciale in “due tempi”. Oltre alla rotonda, cofinanziata dalla Provincia, il Comune di Maserada sul Piave ha integrato l'opera con la realizzazione del percorso pedonale protetto, sulla strada di sua competenza, che dalla rotatoria prosegue lungo la laterale via Lantini fino alla prima fermata dell’autobus.

Pubblicato in Altre news (homepage)

L'opera da 11.303.084 euro attesa da tempo, è stata conclusa grazie ai contributi di Regione, Provincia e Comune

Conclusa la variante alla S.P. 19 a Resana: oggi la cerimonia di inaugurazione per aprire ufficialmente il nuovo tratto stradale e presentare alla cittadinanza i lavori svolti e completati grazie ai finanziamento di Regione Veneto, Provincia di Treviso e Comune di Resana. Nel dettaglio, il valore complessivo dell'opera è di 11.303.084,27 euro, finanziati dalla Regione per 1.101.500,49 euro nell'ambito della legge regionale n. 8 /1982 art.4 e altri 4.179.456,41 euro della legge 208/1998 PAR FSC Veneto 2007-2013; 5.395.027,36 euro da contributo della Provincia di Treviso e 627.100 euro dal Comune di Resana.

Hanno preso parte alla cerimonia Stefano Bosa, sindaco del Comune di Resana, Marina Marchetto Aliprandi, deputata della Repubblica, Nazzareno Gerolimetto, consigliere della Regione Veneto, e Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso, insieme alla squadra di ingegneri, tecnici e rappresentanti delle ditte che hanno svolto i lavori.

Il maxi intervento, completato dalle imprese Padova Asfalti srl, che ha seguito i lavori in qualità di capogruppo, Subsidia Srl e Segnalstrade Veneta Scrl, si era reso necessario per migliorare la viabilità locale e incrementare la sicurezza in un tratto particolarmente trafficato, soprattutto da mezzi pesanti, costretti a transitare per il centro urbano di Resana.

L'opera si è articolata in più fasi e ha riguardato, nel dettaglio, la realizzazione di una rotatoria a 4 braccia sulla SP 19 e del tratto di variante alla provinciale 19 su nuova sede, con delivellamento in corrispondenza della linea ferroviaria Mestre Trento, quale via di collegamento tra la SP n. 19 e la SR n. 245 “Castellana”; la costruzione del ponte sul fiume Dese e del sottopasso ferroviario in cemento armato situato sotto la sede ferroviaria della linea Mestre – Trento, oltre alla realizzazione del sottopasso di via Perarolo, a salvaguardia della viabilità locale interferente con la nuova variante alla SP 19; infine, la costruzione della bretella stradale di collegamento tra le SSRR n. 245 e n. 307.

Pubblicato in Altre news (homepage)
Etichettato sotto

La Provincia di Treviso ha ultimato negli ultimi giorni l'intervento di consolidamento e ripristino della SP 422 "Alpago - Cansiglio" dal km 36 al km 38, nel Comune di Fregona. I lavori, realizzati dalla ditta Veneta 21 srl di Alpago (BL), vincitrice del bando di gara, si sono resi necessari per mettere in sicurezza i tratti al km 36+500, km 37+200 e km 38+200, soggetti a cedimenti e dissesti. Il valore complessivo dell'opera, finanziata nell'ambito delle Ordinanze di Protezione Civile n. 558/2018 a seguito delle calamità della tempesta Vaia, è di 800.000 euro.

La S.P. 422”Alpago – Cansiglio” si snoda a mezzacosta lungo il versante del massiccio del Cansiglio, salendo dall’abitato di Fregona: tutti i dissesti che sono stati consolidati grazie all'intervento della Provincia riguardano la parte di valle ai km 38+200, 37+200 e 36+200 e interessano la banchina laterale e parte della carreggiata. Nel dettaglio, oltre alla risistemazione del manto stradale, nei due tratti al km 37+200 e km 38+200 sono state realizzate opere strutturali di consolidamento e conservazione dei muri di sottoscarpa, necessari per prevenire lo smottamento di pendii naturali ripidi e assicurarne la stabilità; anche al km 36+500, sono stati costruiti e posizioni sistemi di contenimento, sostegno e protezione delle scarpate.

Pubblicato in Altre news (homepage)

Si è svolto oggi nell’Auditorium del Sant’Artemio la conferenza di presentazione del “Tavolo per la Sicurezza Stradale”, progetto nato dalla sinergia la Conferenza dei Sindaci ULSS2, l’Azienda ULSS2 Marca Trevigiana, la Provincia di Treviso e le Associazioni Cittadinanzattiva e Rete di Malachia alcuni mesi fa, in seguito allargato a oltre 30 Istituzioni, Autorità e Associazioni del territorio: Prefettura di Treviso, Ufficio Scolastico Territoriale di Treviso, Questura di Treviso, Polizia di Stato, Carabinieri di Treviso, i Comandi di Polizia locale del Comune di Treviso, Fontanelle, Spresiano e il Corpo Intercomunale di Polizia locale di Mogliano Veneto, Preganziol e Casier, Motorizzazione Civile di Treviso, Federazione Motociclistica Italiana (Treviso), ACI (Automobile Club Italia di Treviso), Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada, UNASCA Associazione Autoscuole, SNA (Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione) CONAFORM (Consorzio Nazionale per la Formazione Assicurativa e Finanziaria), TUA Assicurazioni, BRAIN Family Treviso Onlus, Rosso Alberto - Perito Infortunistica Stradale e Autoscuola Alpi Treviso.

Ad aprire la mattinata i saluti istituzionali di Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso e Sonia Brescacin, presidente V^ Commissione del Consiglio della Regione del Veneto. A seguire, il focus sulle realtà territoriali che compongono il Tavolo e sulle iniziative da attuare per raggiungere tre obiettivi principali: ridurre l’incidentalità stradale, diminuire i costi economici, sociali e sanitari dei possibili traumi che conseguono un sinistro, sensibilizzare e informare la cittadinanza sul tema attraverso lezioni formative e campagne mirate. Questa seconda parte della conferenza è stata moderata dal consigliere provinciale delegato alla Sicurezza Stradale, Roberto Fava, dalla dott.ssa Tiziana Menegon e dal dott. Francesco Rocco dell'Ulss 2 Marca Trevigiana. Al tavolo dei relatori, per approfondire il ruolo rivestito dalle istituzioni nei quattro ambiti di intervento del progetto, ovvero salute, sociale, educazione e viabilità, il Prefetto Angelo Sidoti, la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Treviso Barbara Sardella e il Direttore Generale Ulss2 Marca trevigiana Francesco Benazzi.

A chiudere la conferenza, l’appello del presidente della Provincia Marcon agli amministratori locali e a tutte le realtà della Marca che si occupano di sicurezza stradale a entrare a far parte del Tavolo consultando il portale web dedicato, www.tavolosicurezzastradaletv.it, con la presentazione delle finalità, dei quattro gruppi di lavoro in cui si articola la rete dei promotori e di tutti i soggetti coinvolti sino a oggi.

 

Messa in sicurezza delle gallerie del Grappa, presentato il progetto d’intervento. Si è svolta nei giorni scorsi, negli spazi di Palazzo Reale a Crespano di Pieve del Grappa, una riunione tra gli Enti e le Amministrazioni chiamati a esprimersi, in sede di Conferenza dei Servizi, per il via libera definitivo a procedere con la realizzazione dell’intervento di messa in sicurezza della “Dorsale del Grappa”, finanziato dalla Provincia di Treviso con 1 milione di euro, opera attesa ormai da tempo. Oltre alla Provincia di Treviso, rappresentata proprio dal presidente Stefano Marcon, erano presenti l'Area Tutela e Sviluppo del Territorio - Direzione Operativa – Unità Organizzativa Forestale EST zona Treviso-Venezia della Regione Veneto, l'Unità Organizzativa Genio Civile di Treviso, il Comune di Pieve del Grappa, l'Associazione I.P.A Terre di Asolo e Monte Grappa, l'Unione Montana del Grappa e il Comando Carabinieri Forestali dello Stato di Asolo. Coinvolto anche Studio Dolomiti Engineering, che ha redatto la progettazione.

Nello specifico, l'intero progetto, finanziato dalla Provincia con 1 milione di euro, prevede una serie di interventi sulla S.P.N. 141 “Dorsale del Grappa” finalizzati al miglioramento delle condizioni di sicurezza nel tratto di viabilità tra il km 20+500 e il km 21+500, compreso il consolidamento delle gallerie naturali esistenti in comune di Pieve del Grappa.

L'incontro di Crespano si è focalizzato sui lavori urgenti di messa in sicurezza e consolidamento delle tre gallerie naturali che si avvicendano lungo il settore più ripido del versante sud-orientale del massiccio del Grappa, aree interdette al traffico e ad alta pericolosità per i frequenti episodi di caduta massi: questi i motivi che rendono necessario l'intervento sulle gallerie, realizzate durante il primo conflitto mondiale e attualmente impraticabili proprio a causa della forte instabilità.

Gli interventi finanziati riguardano, in dettaglio, il consolidamento statico mirato delle volte delle gallerie, la captazione delle acque di percolazione con dreni e sistemi di smaltimento interni alle gallerie, la manutenzione-riparazione-rafforzamento dei rivestimenti in corrispondenza degli imbocchi, il riutilizzo del materiale disgaggiato durante le fasi di manutenzione/svuotamento delle reti esistenti, e di quello che sarà prodotto durante il cantiere, per la sistemazione del sottofondo stradale della viabilità sterrata vicina alla malga "Cason del Sol", situata ad una distanza di circa 2,5 km dal cantiere delle gallerie.

Pubblicato in Altre news (homepage)

Oltre 70 richieste dei Comuni al bando per il co-finanziamento di opere di viabilità

In piena pandemia, la Provincia di Treviso ha effettuato oltre 30 interventi di “somma urgenza” per la messa in sicurezza, il ripristino e la manutenzione della viabilità delle Strade Provinciali, investendo quasi 2 milioni di euro. Si tratta di interventi da effettuare nell’immediato, soprattutto a seguito di eventi atmosferici avversi, come quelli che hanno contraddistinto il 2020 e il 2021. Prosegue dunque l’impegno della Provincia anche in ambito di Viabilità, dopo il corposo investimento già stanziato per l’Edilizia Scolastica negli ultimi anni. Si è chiuso anche nel frattempo il Bando per l’assegnazione di Contributi per il Co-Finanziamento di Opere di Viabilità destinato ai Comuni: sono arrivate 70 richieste per un totale di 27 milioni di interventi.

“Non soltanto è costante e poderoso il nostro interventi nell’Edilizia Scolastica – spiega Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso – altrettanto lo è in quella che è l’altra nostra grande funzione fondamentale: la sicurezza delle Strade Provinciali. Tra il 2020 e il 2021 abbiamo effettuato ben 31 interventi di somma urgenza per quasi 2 milioni di euro. Questo grazie ai tecnici preparati che non si tirano mai indietro e alle aziende venete che sanno lavorare bene in tempi stretti, garantendo il ripristino della viabilità dopo gli eventi atmosferici che ormai sono sempre più frequenti.

Sono soddisfatto poi che il bando per il cofinanziamento di interventi di viabilità destinato ai Comuni abbia avuto grande successo, con ben 70 richieste giunte in Provincia – continua Marcon – noi abbiamo stanziato inizialmente 5 milioni di euro che potranno dare avvio a circa 11,5 milioni di interventi, ma contiamo di poter andare a copertura delle restanti richieste il prima possibile. Siamo al servizio dei Comuni e della popolazione trevigiana, garantendo la sicurezza stradale.

Infine – chiude Marcon – siamo in attesa che sia pubblicato il decreto che finanzia la ristrutturazione dei ponti, che ci auguriamo possa portarci circa 13 milioni di euro per un ulteriore investimento e messa in sicurezza del territorio”.

Di seguito, l’elenco degli interventi di SOMMA URGENZA realizzati:

2020

· Realizzazione muro di sostegno SP 152 a Vittorio Veneto: 54.864,01€

· Intervento di sicurezza sulle Strade Provinciali dopo eventi meteorologici del 7 e 8 giugno 2020: 135.559,13€

· Ripristino smottamenti lungo la S.P 1 “Mostaccin” 61.041,24€

· Ripristino viabilità S.P. 140 dopo eventi del 7 e 8 giugno 2020: 76.884,40€

· Messa in sicurezza smottamenti e pavimentazione S.P. 66: 8.626,50€

· Barriere stradali e ripristino viabilità S.P. 1, 140 e 152 dopo eventi 7 e 8 giugno 2020: 39.640,24€

· Ripristino giunto del Ponte sul Piave a Maserada: 3.599€

· Ripristino muro di sostegno su S.P. 635: 12.627€

· Consolidamento scarpata S.P. 126 a Portobuffolè: 25.620€

· Ripristino sicurezza su S.P. 152 dopo eventi 7-10 giugno: 126.410,77€

· Ripristino smottamenti S.P. 141 a Pederobba: 34.831€

· Rifacimento muri S.P. 36 a Valdobbiadene: 50.227,40€

· Ripristino smottamento su S.P. 152 a Follina: 108.537,91€

· Ripristino sicurezza su S.P. 152 a Valdobbiadene post eventi 8-10 ottobre: 18.989,30€

· Ripristino semaforo gallerie Passo S. Boldo sulla S.P. 635: 48.344,94€

· Messa in sicurezza delle Strade Provinciali dopo eventi eccezionali del 4 dicembre 2020: 90.202,53€

· Messa in sicurezza S.P.38 a Refrontolo e Ponte Torrente Calderon lungo S.P. 151: 175.476,55€

· Altri interventi di messa in sicurezza delle Strade Provinciali dopo eventi 4 dicembre 2020: 200.709,90€

· Messa in sicurezza cedimenti su S.P. 38 a Refrontolo: 71.729,90€

· Messa in sicurezza alberature lungo le Strade Provinciali: 79.285,77€

· Ripristino impianto di illuminazione sottopasso S.P. 5 a Castelfranco: 1.323,70€

2021

· Messa in sicurezza S.P. 38 a Refrontolo: 74.689,01€

· Messa in sicurezza S.P. 635 a Cison di Valmarino: 36.318,18€

· Disostruzione e ripristino S.P. 6 a Castelcucco: 39.756,08€

· Messa in sicurezza S.P. 38 a Conegliano: 2.366,31€

· Messa in sicurezza S.P. 442 a Fregona: 55.522,2€

· Messa in sicurezza Ponte sul Piave S.P. 92: 30.744€

· Ripristino alimentazione galleria sottopasso variante S.P. 86 a Vittorio Veneto: 3.940,60€

· Ripristino muro sottoscarpa su S.P. 101 ad Asolo: 39.772€

· Disgaggio e posa reti sulla S.P. 141 a Pieve del Grappa: 88.000€

· Sostituzione barriere danneggiate per frane sulla S.P. 141 e 140: 60.000€

Pubblicato in Altre news (homepage)

Logo della Provincia di Treviso

Logo della Provincia di Treviso

Il Presidente della Provincia di Treviso

Contatti

Vai alla pagina del Dirigente
dell'Ufficio Progetti e Relazioni U.E.

L'ufficio è sito in:
Via Cal di Breda, 116 - 31100 TREVISO
[Edificio 1]

Tel +39 0422 656909
Fax +39 0422 656666
E-mail europa@provincia.treviso.it

Orari

Orari per telefonare
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00

Orari di ricevimento
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00