Visualizza articoli per tag: formazione

#INNOTV, il nuovo laboratorio dedicato all’innovazione digitale promosso da Regione Veneto per i comuni di Treviso, Carbonera, Silea, Roncade e Villorba, ospita un cilclo di formazione dedicato agli enti locali.

Clicca qui per scoprire tutti i dettagli: https://innotv.it/news/innotv-ospita-pillole-digitali/

Etichettato sotto
01 Gennaio 2011

EYES 4 C

European Youth Education Systems For Citizenship
Formazione dei giovani europei alla cittadinanza attiva

Programma Comenius Regio, Lifelong Learning.

Nell’ottica di valorizzare il Gemellaggio con il Calvados, è stato candidato il progetto EYES 4 C, coordinato dalla Provincia di Treviso, all’interno del Programma Comenius Regio, incentrato sullo sviluppo delle attività di cooperazione tra le autorità locali o regionali, che operano nel campo dell’istruzione scolastica in Europa, al fine di aiutare le regioni a migliorare l’offerta educativa per le giovani generazioni.

Il progetto ha inteso rafforzare la collaborazione tra enti, scuole e associazioni operanti nel territorio della Provincia di Treviso e nel Dipartimento del Calvados (Francia) al fine di scambiare buone pratiche, sviluppare metodi di apprendimento formale e non formale aventi una dimensione europea e creare prassi innovatrici nel campo della cittadinanza attiva, intesa come responsabilità e partecipazione.

Le scuole e le associazioni del territorio trevigiano e quelle francesi hanno avuto l’opportunità di valorizzare la conoscenza reciproca e le migliori pratiche in ambito educativo sulla cittadinanza attiva già sperimentate nei territori partner di progetto. La creazione del network tra scuole e associazioni dei due territori partner, le mobilità e gli incontri transnazionali annuali a Treviso e Caen, hanno approfondito la consapevolezza dei ruoli complementari di istituzioni, scuole e associazioni integrando le conoscenze e le migliori pratiche consolidate da tutti i beneficiari di progetto e diffondendo così tra i partner nuovi punti di vista e progettualità da sviluppare attraverso modelli educativi innovativi.

Le attività intraprese sono state molteplici: dalla realizzazione di un questionario sulla cittadinanza attiva europea rivolto agli studenti e agli adulti, alla realizzazione di workshop, di fiere di buone pratiche, di conferenze aperte al territorio; dal coinvolgimento attivo dei decisori politici, alla pubblicazione finale di un manuale delle best practice sulla cittadinanza attiva in triplice lingua francese- italiano-inglese, strumento guida per gli operatori del settore educativo sia formale che informale.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 92.710,00

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 45.000,00

DURATA
24 mesi (2011-2013)

PARTNER Coordinatore: Provincia di Treviso – Italia; Collège Henri Brunet à Caen – Francia; Collège Jacquard à Caen (Z.E.P) – Francia; Istituto Comprensivo “Casteller” di Paese – Italia; Scuola Media Statale “Toti dal Monte” di Mogliano Veneto – Italia; Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” di Treviso – Italia; Associazione Vivere la cittadinanza – Italia; Coordinamento delle associazioni di volontariato (CSU) della Provincia di Treviso – Italia; Consiglio Generale del Dipartimento del Calvados – Francia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto I rapporti con il Dipartimento del Calvados hanno consentito di rafforzare la collaborazione tra scuole, enti e associazioni dei territori gemellati al fine di scambiare buone pratiche, sviluppare metodi di apprendimento e creare prassi innovatrici nel campo della cittadinanza attiva.
Pubblicato in Giovani e scuola
01 Gennaio 2012

Q-AGEING

Quality Ageing in the Urban Environment
Invecchiamento di qualità nelle aree urbane

Programma di cooperazione transnazionale CENTRAL EUROPE 2007-2013.

I partner del progetto Q-AGEING si sono posti l’obiettivo di trovare soluzioni e misure alternative per fronteggiare la crescita della quota di popolazione anziana in Europa considerata spesso come minaccia. Un fattore chiave per affrontare la sfida dell’invecchiamento demografico e preservare la solidarietà tra le generazioni consiste nell’assicurare una più lunga permanenza degli anziani nel mercato del lavoro e fare in modo che essi rimangano in salute, attivi e autonomi anche dopo il pensionamento.

Partendo da queste considerazioni, il progetto Q-AGEING ha selezionato alcune buone prassi che sono state raccolte in un “Toolbox delle soluzioni sperimentate per promuovere l’invecchiamento attivo a livello locale”. Si tratta di una vetrina di servizi pubblici innovativi, adattabili a diversi contesti urbani e sociali che consentono alle comunità di promuovere l’invecchiamento attivo. In particolare: 1) nel miglioramento della sicurezza nella comunità e la lotta all’isolamento; 2) nello sviluppo di spazi pubblici e mobilità a misura d’anziano; 3) nella promozione di un’economia “senior” e della gestione dell’età; 4) nel miglioramento dell’accessibilità ai servizi, della formazione permanente e nella promozione del volontariato per gli anziani.

Rispetto ai contenuti del Toolbox, la Provincia di Treviso ha focalizzato la propria attenzione sulla sperimentazione di azioni innovative (ERMES & TREVOR – azione pilota sulla formazione permanente, ELDBike, TVBus – azioni pilota sulla mobilità a misura di anziano) nell’accessibilità per gli anziani e la formazione permanente attraverso tre azioni pilota, raccontate anche attraverso un video di progetto, che hanno coinvolto il territorio. Un fattore vincente per la realizzazione delle azioni pilota è stato il coinvolgimento, fin dalle fasi iniziali del progetto, degli stakeholder territoriali che hanno permesso e promosso le attività a livello locale. Le attività di progetto sono state accompagnate da un’azione di diffusione e disseminazione dei risultati.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 2.914.360,00

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 349.050,00

DURATA
38 mesi (2008-2011)

PARTNER Coordinatore: Comune di Ujbuda – XI Distretto di Budapest – Ungheria; Provincia di Treviso – Italia Centro di sviluppo della società civile di Friburgo – Germania; Accademia Nazionale di Medicina, Genova – Italia Comune di Genova - Italia; Comune di Sopot – Polonia; Comune di Maribor – Slovenia; Comune di Slovenska Bistricia – Slovenia; Istituto di Economia e Centro di Sviluppo delle Risorse Umane di Maribor – Slovenia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Soluzioni per promuovere l’invecchiamento attivo a livello locale attraverso azioni innovative volte a favorire l’accessibilità per gli anziani e la formazione permanente.
Pubblicato in Sociale e lavoro
01 Gennaio 2012

Senior Capital

Develop Human Capital of Seniors to Increase their Economic and Social Value in a Knowledge Based and Competitive Economy
Sviluppo del capitale umano dei senior per aumentarne il valore economico e sociale in una economia competitiva e basata sulla conoscenza

Programma di cooperazione transnazionale CENTRAL EUROPE 2007-2013.

Il progetto SENIOR CAPITAL è nato dall’esperienza del progetto europeo Q-AGEING e, in linea con le sue raccomandazioni finali, si è proposto di rafforzare il ruolo economico della popolazione over 50 nella società attuale, inserendosi nel dibattito comunitario sull’invecchiamento della popolazione: si prevede infatti che entro il 2020, il 25% della popolazione europea sarà costituito da persone over 50, ma che solamente il 50% di esse potrà essere considerata economicamente attiva. Questo trend sta producendo un aumento dei costi a carico della società, in particolar modo riscontrabile negli ambiti socio-sanitari e una conseguente riduzione della forza lavoro disponibile e della produzione economica dell’Unione. Tuttavia, la difficoltà del (ri)coinvolgimento nel mondo del lavoro delle persone over 50 è talvolta data dalla mancanza, da parte di questi soggetti, di competenze aggiornate al contesto iper-competitivo attuale, ma anche dalla stigmatizzazione di tale categoria, generalmente considerata dai datori di lavoro come meno produttiva e portatrice di un maggior costo del lavoro.

In questo contesto SENIOR CAPITAL si è proposto di trovare delle soluzioni agli effetti negativi del cambiamento demografico, investendo nel capitale umano degli over 50 e cercando di superare i pregiudizi e gli stereotipi del mondo del lavoro nei confronti del lavoratore maturo.

A tal fine, ogni partner di progetto ha sviluppato un’azione pilota con l’obiettivo di sperimentare modelli educativi e servizi formazione-lavoro innovativi per gli over 50, trasferibili ad altri contesti europei e sostenibili. 50 e lode... all’esperienza! ha rappresentato l’iniziativa pilota attivata dalla Provincia di Treviso con la finalità principale di favorire l’occupabilità dei lavoratori con più di 50 anni attraverso un percorso innovativo, costruito intorno al lavoratore e pensato per soddisfare le esigenze delle aziende. Una campagna di sensibilizzazione contro gli stereotipi che colpiscono i lavoratori over 50 ha integrato i percorsi di accompagnamento e orientamento del gruppo selezionato per l’iniziativa sperimentale e, al contempo, ha favorito una seria discussione sul tema dell’invecchiamento della popolazione attiva e sulle potenzialità sociali ed economiche della generazione senior.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 1.645.781,85

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 192.329,95

DURATA
28 mesi (2012-2014)

PARTNER Coordinatore: Comune di Ujbuda – XI Distretto di Budapest – Ungheria; Provincia di Treviso – Italia; NOWA – Centro di training, formazione e gestione progetti – Austria; Centro per lo Sviluppo della Società Civile di Friburgo – Germania; Accademia Nazionale di Medicina – Italia; Regione Liguria – Italia; Comune di Sopot – Polonia; Comune di Maribor – Slovenia; PRIZMA – Fondazione per il miglioramento delle opportunità di impiego – Slovenia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Sviluppo del capitale umano rappresentato dagli ultracinquantenni attraverso un percorso innovativo per favorirne l’occupazione e una campagna di sensibilizzazione contro gli stereotipi.
Pubblicato in Sociale e lavoro
01 Gennaio 2012

Silver City

Innovative Urban strategies and action plans to increase the social and economic role of seniors
Strategie urbane e piani di azione innovative per sostenere il ruolo socio-economico dei senior

Programma di cooperazione transnazionale SUD EST EUROPA 2007-2013.

Il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione rappresenta una vera sfida per le aree metropolitane dell’Europa del Sud Est: da qui la necessità di creare delle comunità sostenibili che siano in grado di occuparsi dei bisogni dei senior e di rivedere le competenze e le funzioni dei Comuni, in quanto principali promotori dell’inclusione socio lavorativa dei senior.

Vista la rilevanza della problematica, la Provincia di Treviso ha voluto aderire all’iniziativa con l’obiettivo di sostenere il ruolo economico e sociale delle persone senior, focalizzandosi sugli over 50 in condizione di svantaggio. In fase di pianificazione è emersa con forza l’esigenza di agire con un approccio di rete. La risposta a tale esigenza è stata trovata creando un sistema territoriale integrato, guidato da un consorzio di cooperative che poteva offrire non solamente competenze ed expertise, ma anche occasioni di impiego per un target così “impegnativo” e poco incentivato.

È stato avviato quindi il Progetto U.N.I.C.A. RETE che si è posto come un nuovo modo di agire, entro il territorio della Provincia di Treviso, nella gestione dell’attuale configurazione d’emergenza lavorativa per la fascia degli over 50 con svantaggio, attraverso la costruzione di un modello esportabile in grado di rispondere non solo alle esigenze lavorative dei soggetti coinvolti, ma anche di promuovere modalità di gestione delle criticità connesse alla perdita del lavoro. A questa azione di costruzione di una rete è seguita una mappatura e analisi delle nicchie di mercato, che ha preparato il campo per percorsi di inserimento al lavoro, accompagnati da un intervento di coaching e orientamento professionale.

Il Progetto U.N.I.C.A. RETE ha selezionato 28 persone provenienti da 15 differenti comuni della Provincia di Treviso, collocandone 16 nell’arco di 4 mesi. È risultato vincente l’abbinamento di tirocinio e assunzione, infatti la maggioranza delle collocazioni è avvenuta a seguito di un tirocinio finanziato con i fondi messi a disposizione dalla Provincia o con "Progetti Comunità". Le modalità di funzionamento del sistema U.N.I.C.A. RETE sono state spiegate attraverso un video, di cui è protagonista uno dei lavoratori realmente coinvolti nella sperimentazione.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 1.661.306,40

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 256.134,00

DURATA
24 mesi (2012-2014)

PARTNER Coordinatore: Comune di Zuglo – XIV Distretto di Budapest – Ungheria; Provincia di Treviso – Italia; Comune di Burgas – Bulgaria; Università di Zagabria – Croazia; Comune di Galati – Romania; Istituto Economico di Maribor – Slovenia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Creazione di un sistema territoriale integrato a sostegno del ruolo economico e sociale degli ultracinquantenni in condizioni di svantaggio per supportarli in percorsi di formazione e reinserimento lavorativo.
Pubblicato in Sociale e lavoro
01 Gennaio 2004

OMAU

Observatorio de Medio Ambiente Urbano
Osservatorio dell’Ambiente Urbano

Urb-AL Rete n. 6 “Sviluppo urbano”.

Il progetto Osservatorio dell’ambiente urbano ha inteso promuovere e migliorare la formazione dei funzionari delle città partner in materia di ambiente urbano e di processi di Agenda 21 locale (i.e. ampio e articolato “programma di azione” scaturito dalla Conferenza ONU su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992, che costituisce una sorta di manuale per lo sviluppo sostenibile del pianeta “da qui al XXI secolo”), attraverso un programma di lavoro suddiviso in due parti, una teorica e una pratica.

La parte teorica è stata sviluppata attraverso una formazione in presenza e on line, all’interno di quattro aree tematiche distinte ma tra loro sinergiche: configurazione della città e del territorio, coesione sociale, gestione delle risorse naturali, governo della città. La parte pratica del programma di formazione dei funzionari è stata incentrata sulle tecniche di realizzazione e impulso dei processi di Agenda 21 locale e sulla messa a punto di un set di indicatori dell’ambiente urbano comuni per le città dell’Europa e dell’America latina.

Il progetto OMAU ha consentito la creazione di un Osservatorio dell’ambiente urbano a Malaga, ovvero di un centro di osservazione e analisi dei temi e degli aspetti relazionati con lo sviluppo urbano, ad oggi ancora attivo. La sede dell’Osservatorio è stata costruita secondo i criteri dell’architettura bioclimatica e con l’utilizzo di materiali ecologici.

In particolare, la Provincia di Treviso ha finanziato attraverso il progetto OMAU l’iniziativa “Trevision”, un’indagine rivolta ai ragazzi diciottenni della provincia sui temi dell’ambiente, del territorio e delle sue risorse, degli stili di vita e delle aspettative future, in relazione anche al ruolo svolto dagli Enti Locali. Il target è stato appositamente scelto per coinvolgere quella parte della popolazione che difficilmente partecipa alla vita politica del territorio. L’obiettivo è stato quello di interrogare i ragazzi che, forse per la prima volta, hanno potuto esprimersi concretamente riguardo al proprio futuro, alle proprie esigenze, ai propri bisogni che devono essere soddisfatti in base ai vincoli imposti dalla società. Gli studi sulle tematiche legate all’ambiente e al territorio sono stati notevolmente arricchiti dalla freschezza e dalla creatività dell’apporto dei giovani cittadini, per contribuire alla formulazione di nuove strategie. È stata un’occasione per ipotizzare nuove tipologie di intervento sul piano culturale e informativo, di ricerche e di proposte basate sui nuovi modelli e sugli stili di vita dei giovani del territorio.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 1.525.892,00

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 49.521,00

DURATA
24 mesi (2004-2006)

PARTNER Coordinatore: Città di Malaga – Spagna; Provincia di Treviso – Italia; Comune di Rosario – Argentina; Comune di Belo Horizonte – Brasile; ROLAC. Ufficio Regionale di relazioni dell’America latina e Caraibi per Insediamenti Abitativi - Brasile; Comune di Viña del Mar – Cile; Corporazione Regionale dell’Atlantico, Barranquilla – Colombia; Comune di Roma – Italia; Comune di Calvia – Spagna; Intendenza Comunale di Montevideo – Uruguay

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Formazione dei funzionari pubblici in materia di ambiente urbano e realizzazione di un’indagine rivolta ai ragazzi sui temi dell’ambiente, del territorio e delle sue risorse, degli stili di vita e delle aspettative future.
Pubblicato in Ambiente
01 Gennaio 2008

FOKS

Focus on the main environmental risk sources
Focus sulle principali fonti di rischio ambientale

Link al sito di progetto

Programma di cooperazione transnazionale CENTRAL EUROPE 2007-2013.

Le acque di falda sono uno degli elementi fondamentali dell’ambiente, rappresentano una risorsa sicura di acqua potabile e prevenire gli impatti negativi sulla loro qualità è essenziale per preservarle per le future generazioni. Tuttavia, esiste ancora un notevole divario tra le attese sulla qualità delle acque di falda e la fattibilità tecnica ed economica del loro risanamento. Infatti, nel caso di molte esperienze di bonifiche messe in atto in diverse zone industriali europee con investimenti anche economicamente importanti non è sempre stato raggiunto il risultato sperato, a causa delle difficoltà di caratterizzazione, di valutazione e di gestione della falda contaminata. Si rende perciò necessario individuare e sviluppare strumenti tecnici, gestionali ed amministrativi, innovativi che permettano di concentrare – così come presupposto dal progetto FOKS – gli interventi di risanamento sulle fonti principali di inquinamento.

Uno degli strumenti più importanti previsti e sperimentati dai partner del progetto FOKS è la metodologia di indagine integrata delle acque sotterranee, sviluppata nell’ambito di precedenti progetti europei “INCORE” (V Programma Quadro) e “MAGIC” (Interreg IIB CADSES) e basata sull’esecuzione di Prove Integrate di Pompaggio (IPT) con contestuale prelievo di campioni d’acqua di falda da sottoporre ad analisi chimica.

In particolare, la Provincia di Treviso ha orientato il proprio lavoro di investigazione idrogeologica con l’IPT in un’area del Comune di Arcade, con la realizzazione di cinque nuovi pozzi e dello sviluppo di una rete di monitoraggio locale, messa a disposizione dell’ARPAV, nonché di innovative indagini chimiche condotte con il metodo sperimentale e innovativo del “campionamento passivo – passive sampling”. La Provincia di Treviso ha dato diffusione delle conoscenze acquisite e testate grazie al progetto FOKS a un pubblico specialistico (es. ingegneri idraulici, geologi, laboratori di analisi ecc.) con l’organizzazione di training e laboratori, accreditati anche presso gli ordini professionali, dove sono intervenuti professionisti e ricercatori di rilievo internazionale.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 3.319.050,00

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 457.000,00

DURATA
36 mesi (2008-2011)

PARTNER Coordinatore: GIG - Istituto Minerario Centrale di Katowice – Polonia; Provincia di Treviso – Italia; IETU - Istituto per l’Ecologia dell’Area Industriale – Polonia; Comune di Jaworzno – Polonia; Comune di Stoccarda – Germania; Comune di Milano – Italia; Istituto di Salute Pubblica di Ostrava – Repubblica Ceca

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Sperimentazione di una metodologia di indagine integrata delle acque sotterranee volta all’identificazione di interventi di risanamento sulle fonti principali di inquinamento.
Pubblicato in Ambiente
01 Gennaio 2004

Bus Driver Training

Training for Bus Drivers Using New Technologies for Safe, Economic and Environmentally Firendly Driving
Formazione dei conducenti di autobus sull’uso delle nuove tecnologie per una guida sicura, economica ed ecologica

Urb-AL Rete n. 8 “Controllo della mobilità urbana”.

Il Programma Urb-AL è stata una linea di finanziamento della Commissione Europea che si è proposta di sviluppare interventi di cooperazione decentralizzata fra città ed Enti Locali dell’Europa e dell’America latina. La cooperazione era finalizzata all’individuazione e alla sperimentazione di nuove modalità di gestione delle comunità urbane e ha incoraggiato lo scambio diretto di esperienze tra i rappresentanti territoriali e tecnici di entrambi i continenti nel campo delle politiche urbane e in particolare, attraverso la Rete di città n. 8, coordinata dal Comune di Stoccarda, e alla quale la Provincia di Treviso ha aderito, si è posta l’obiettivo di sviluppare le capacità strutturali del controllo della mobilità urbana delle autorità locali, anche attraverso la formazione delle risorse umane.

Un esempio virtuoso di approccio strategico su questo tema è costituito dal progetto BUS DRIVER TRAINING. Lo sviluppo duraturo della sicurezza e della qualità dei servizi agli utenti del trasporto pubblico su gomma in America latina e in Europa è l’obiettivo principale dell’iniziativa. Il focus è stato accelerare l’evoluzione tecnologica della strumentazione di bordo con lo scopo di rendere i viaggi in bus/corriera più confortevoli e sicuri.

Per concorrere a tale scopo si è elaborato un modulo formativo multimediale destinato ai conducenti degli automezzi che ha fornito competenze tecniche e conoscenze tecnologiche avanzate per sviluppare la cultura della sicurezza, una coscienza ecologica e uno stile di guida economico. A completamento, il progetto ha previsto lo scambio di buone pratiche sulla formazione impartita ai conducenti di mezzi di trasporto pubblico su gomma in America latina e in Europa.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 356.441,18

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 14.800,00

DURATA
15 mesi (2004-2005)

PARTNER Coordinatore: Comune di Stoccarda - Germania; Provincia di Treviso – Italia; Comune di Trento – Italia; Comune di Sao Vicente – Brasile; Comune di Florianopolis – Brasile; Comune di Porto Alegre – Brasile; Comune di Criciuma – Brasile; Regione Autonoma della Sardegna – Italia; Comune di Queretaro – Messico

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Miglioramento della sicurezza e della qualità dei servizi del trasporto pubblico su gomma in America Latina e in Europa attraverso la formazione dei conducenti e l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative.
Pubblicato in Mobilità sostenibile
01 Gennaio 2004

O.Ro.S.

O.Ro.S.: Observatory for Road Safety
Osservatorio per la Sicurezza Stradale

Urb-AL Rete n. 8 “Controllo della mobilità urbana” – progetto di Tipo B.

ll Progetto O.Ro.S. si è posto come continuazione del progetto Comunità virtuale per la sicurezza stradale con la finalità di affrontare il tema della sicurezza stradale attraverso un punto di vista globale che considera i diversi aspetti della mobilità, della pianificazione urbana, dell’educazione e della sicurezza sui veicoli.

Il progetto si è sviluppato attraverso alcune sub azioni quali: 1) informazione rivolta ai cittadini sulle nuove tecnologie dei veicoli, in materia di sicurezza e ambiente; 2) educazione alla sicurezza stradale nelle scuole con un’iniziativa dal titolo “Scuola, metodologia e strumenti di insegnamento”; 3) i diritti dei bambini – Carta internazionale per la tutela del diritto dei bambini alla sicurezza stradale, background, situazione presente e metodi pedagogici; 4) costruzione di un campo scuola di guida sicura per gli studenti; 5) le strade, la pianificazione e i giovani – “Libro bianco” sulla pianificazione del territorio e infrastrutture che tengono conto dei punti di vista di bambini e di giovani; 6) territorio certificato con strade sicure – Modello di certificazione di un territorio come “Territorio sicurezza sulle strade”; 7) mobility management.

Tutte le azioni hanno capitalizzato esperienze importanti che la Provincia di Treviso stava già portando avanti quali, ad esempio, la conoscenza delle nuove tecnologie dei veicoli, la sicurezza stradale e l’insegnamento della stessa nelle scuole. Parallelamente, l’iniziativa ha anche offerto l’opportunità di avviare nuovi servizi attraverso specifiche competenze come quello della mobilità sostenibile che, nel tempo, anche grazie ad altri progetti europei, è diventato a tutti gli effetti un servizio per il territorio. In ultima istanza, il progetto O.Ro.S. ha previsto la realizzazione di un Osservatorio virtuale per la sicurezza stradale, concepito come uno strumento per cooperazioni internazionali durevoli e per aggiornare e scambiare informazioni, conoscenze, esperienze e buone pratiche.

BUDGET DEL PROGETTO
€ 1.142.854,00

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 607.114,90

DURATA
24 mesi (2004-2006)

PARTNER Coordinatore: Provincia di Treviso – Italia; Provincia di Padova – Italia; Consiglio per lo Sviluppo dello Stato Nord del Rio Grande do Sul – Brasile; Prefettura di Erechim – Brasile; Prefettura di Juiz da Fora – Brasile; Prefettura di Criciuma – Brasile; Comune di Viña del Mar – Cile; Comune di Vara – Svezia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Miglioramento della sicurezza stradale attraverso un approccio integrato che prende in considerazione aspetti della mobilità, della pianificazione urbana, dell’educazione stradale e della sicurezza dei veicoli.
Pubblicato in Mobilità sostenibile
01 Gennaio 2008

PIMMS TRANSFER

Transfering Actions In Sustainable Mobility for European Regions
Trasferimento di azioni di mobilità sostenibile per le regioni europee

Programma di cooperazione interregionale Interreg IVC 2007-2013.

PIMMS Transfer ha perseguito l’obiettivo di promuovere la mobilità sostenibile trasferendo tra le regioni partner i risultati raggiunti dal primo progetto PIMMS, di cui è stato una continuazione.

A tal fine i partner sono stati suddivisi in “regioni esperte” (i soggetti già presenti nel primo PIMMS) e “regioni inesperte” (nuovi partner provenienti dall’Europa dell’Est). Gli esperti si sono occupati di realizzare dei seminari di tutoraggio sulla mobilità sostenibile a favore dei nuovi partecipanti, oltre che di sviluppare e testare 14 progetti pilota sul tema della mobilità in base ai casi studio inseriti nel database sviluppato dal progetto PIMMS e costantemente aggiornato.

In particolare, la Provincia di Treviso ha realizzato due azioni pilota: una mirata all’integrazione della gestione della mobilità nelle politiche dei 95 Comuni della Provincia di Treviso, una seconda relativa alla mobilità ciclabile dei dipendenti della Provincia. Accanto ai progetti pilota sono state sviluppate una serie di azioni di formazione e sensibilizzazione quali: tre cicli di un master internazionale sulla mobilità sostenibile che hanno coinvolto i partner e gli stakeholder locali in una settimana di full immersion con esperti da tutta Europa; un concorso europeo sulla mobilità casa-scuola destinato a scuole selezionate delle regioni partner; varie iniziative organizzate nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità e una regionali e internazionali

BUDGET DEL PROGETTO
€ 3.296.955,76

BUDGET DELLA PROVINCIA DI TREVISO
€ 266.578,61

DURATA
36 mesi (2008-2011)

PARTNER Coordinatore: London Councils – Regno Unito; Provincia di Treviso – Italia; Comune di Graz – Austria; Comune di Sofia – Bulgaria; Comune di Larnaca – Cipro; traffiQ – Autorità per il trasporto pubblico di Francoforte – Germania; Comune di Serres – Grecia; Autorità per il trasporto pubblico di Klaipeda – Lituania; Università Erasmus di Rotterdam – Paesi Bassi; Comune di Gdansk – Polonia; Comune di Almada – Portogallo; Comune Timişoara – Romania; Regione di Bratislava – Slovacchia; Comune di Maribor – Slovenia; Amministrazione locale di Stoccolma – Svezia

Informazioni aggiuntive

  • Sottotitolo - Descrizione progetto Trasferimento di buone pratiche sulla mobilità sostenibile tra i partner e miglioramento delle competenze e delle politiche di gestione del trasporto.
Pubblicato in Mobilità sostenibile
Pagina 1 di 2

Logo della Provincia di Treviso

Vai alla pagina del Dirigente
dell'Ufficio Progetti e Relazioni U.E.

L'ufficio è sito in:
Via Cal di Breda, 116 - 31100 TREVISO
[Edificio 1]

Tel +39 0422 656909
Fax +39 0422 656666
E-mail europa@provincia.treviso.it

Orari per telefonare
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00

Orari di ricevimento
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00