Visualizza articoli per tag: Presidente della Provincia di Treviso

Pronto un documento unitario condiviso da inviare al Governo dopo aver raccolto le proposte.

Gli effetti dei rincari di energia, materie prime e i ritardi negli approvvigionamenti mettono a rischio investimenti, esecuzione e prosecuzione dei cantieri nell'ambito del PNRR e nel rispetto delle tempistiche fissate dallo stesso: sono questi i nodi portati sul tavolo dell'assemblea di Upi Veneto, organizzata stamattina, lunedì 4 aprile, nella sala Consiglio della Provincia di Treviso.

Hanno preso parte alla discussione le Province del Veneto e la Città Metropolitana di Venezia, la Regione Veneto, Anci Veneto, Assindustria Venetocentro, Confartigianato Veneto e Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, Casartigiani Veneto, Ance Veneto e Ance Treviso, Cna Veneto, Israa, Confapi, Ascom Confcommercio Veneto, Confesercenti Treviso, Cisl Veneto e Cisl Treviso-Belluno, Uil Treviso e Cgil Veneto e Treviso.

Ad dare il via all'assemblea, l'intervento del presidente di Upi Veneto e della Provincia di Treviso Stefano Marcon, a cui sono seguiti quelli dei rappresentati istituzionali delle Province venete: Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno, Graziano Azzalin, vicepresidente della Provincia di Rovigo, Daniele Canella, vicepresidente della Provincia di Padova, Angela Fioretta, capo di gabinetto della Provincia di Verona, Maria Cristina Franco, vicepresidente della Provincia di Vicenza, Matteo Todesco, dirigente della Città Metropolitana di Venezia. A chiudere il primo giro di interventi è stato l'assessore regionale Federico Caner, mentre a integrare la seconda tranche del dibattito è stato il presidente di Anci Veneto e sindaco del Comune di Treviso Mario Conte. A partecipare all'assemblea anche i parlamentari veneti Sonia Fregolent, Ingrid Bisa e Giuseppe Paolin.

Per le categorie sono intervenuti Mauro Visentin della Cgil Veneto e Treviso, Paola Carron di Assindustria VenetoCentro e Ance Treviso, Cinzia Bonan di Cisl Veneto, Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana e Dania Sartorato, presidente di Ascom Treviso.

Il contesto socio-economico di oggi, segnato ancora profondamente dalla pandemia e influenzato dalla guerra in Ucraina a livello internazionale, determina una situazione di crisi che potrebbe portare al blocco dell'edilizia pubblica e dei progetti da finanziare con il PNRR, nonché all'aumento medio di oltre il 20% dei costi, e al conseguente rischio dei posti di lavoro. Questo il tema alla base dell’assemblea che le istituzioni vorranno poi sottoporre al Governo per risolvere questi punti critici, tra la revisione del PNRR, la possibilità di sottoscrivere alternative valide per far fronte ai rincari e l'appalto dei servizi. Sul tavolo, anche l'elenco degli interventi urgenti da attuare per consentire a Comuni, Province e Città Metropolitane di rispondere nell'immediato alle criticità nei cantieri in corso e nell'espletamento delle gare, per evitare la sospensione dei lavori, la ripercussione sui bilanci degli Enti e il futuro delle comunità.

All’assemblea è stato dunque presentato un documento redatto dall’Upi Veneto e posto ora alla condivisione di tutte le parti in causa, un insieme di proposte da inviare al Governo per poter far fronte all’emergenza.

 È possibile riguardare la diretta streaming dell'assemblea al seguente link:

https://youtu.be/tamx_oUiGgk

 

Pubblicato in Altre news (homepage)

Giovedì 31 marzo, nella sala Giunta della Provincia si è svolta la riunione di aggiornamento, in videoconferenza, con i Dirigenti scolastici degli Istituti superiori della Marca per la presentazione dei lavori di efficientamento energetico di imminente realizzazione nelle scuole superiori del territorio, nell'ambito del i nell'ambito del contratto EPC (Energy Performance Contract), il Global Service Manutentivo di quarta generazione. Il costo complessivo degli interventi, che riguarderanno tutti gli Istituti superiori della Marca Trevigiana, si aggira attorno ai 4.000.000 di euro.

A introdurre il tavolo, questa mattina, è stato il presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon, insieme al consigliere provinciale con delega all'edilizia scolastica Roberto Borsato e alla dirigente dell'Ufficio Scolastico Territoriale Barbara Sardella. I lavori riguarderanno, nel dettaglio, l'illuminazione degli edifici, la riqualificazione degli impianti termici e l'implementazione di Smart Metering, ovvero dei sistemi per il monitoraggio dei consumi.

Coordinatori dei progetti di riqualificazione energetica, con la supervisione della Dirigente del Settore, ing. Marina Coghetto, sono l'ing. Maurizio Tufaro, Direttore di Esecuzione del contratto di Global Service per la Provincia di Treviso, e l'ing. Giuseppe Carrara, per Rekeep-Apleona-Antas. Il RUP - Responsabile Unico del Procedimento del contratto di Global Service è il Direttore Generale, avv. Carlo Rapicavoli. Nel gruppo di collaboratori tecnici anche l'ing. Serena Favaretto, l’ing. Gennaro Vietri, i periti Fabio Fabris, Sandro Michielin e Alberto Segat, l'ing. Franco Furlan, i periti Gabriele Capellari e Mattia Dittadi, l'arch. Marco Bisogni.

 

Venerdì 25 marzo, il presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon, insieme al sindaco di Vittorio Veneto Antonio Miatto e alla dirigente scolastica Susanna Picchi, si è recato all'ISS Città della Vittoria per un confronto diretto con studentesse e studenti nell'ambito di una lezione di educazione civica sul tema degli Enti locali. L'insegnamento della materia è diventato obbligatorio a partire dall'anno scolastico 2020/2021.

L'incontro didattico ha coinvolto due classi terze dell’Istituto Tecnico Economico e una seconda Ipsia: tema al centro della discussione è stato il rapporto interconnesso tra Provincia, Comune e cittadini, con particolare attenzione all'organizzazione amministrativa e istituzionale degli Enti, per far acquisire alle ragazze e ai ragazzi competenze di cittadinanza attiva.

Sempre nell'ambito delle attività nelle scuole, a gennaio la Provincia ha comunicato il progetto di demolizione dell'attuale sede del Città della Vittoria e ricostruzione ex novo, per un valore complessivo di 10.000.000 di euro, con apertura dei cantieri programmata per fine 2022. La lezione, infatti, è stata anche occasione per presentare alle classi i piani progettuali del nuovo Istituto, che sarà realizzato con caratteristiche “NZEB” ( Nearly Zero Energy Building) e sarà completamente eco-sostenibile.

 

Nella mattinata di oggi, 23 marzo, a Conegliano nuovo incontro tra Provincia e Comune per discutere della nuova sede dell'IPSIA Pittoni: a fare il punto della situazione sul progetto di costruzione della scuola, che aveva già ottenuto il finanziamento nell'ambito del PNRR in due tranche per oltre 7.000.000 euro complessivi, è stato il presidente della Provincia Stefano Marcon, insieme al sindaco Fabio Chies, ai rappresentanti della Giunta del Consiglio comunale e al team di tecnici.

L'intervento, che prevede la demolizione dell'edificio esistente e la sua ricostruzione presso l'ITIS Galilei di Conegliano, ha già ottenuto l'approvazione della Regione Veneto ed è in attesa del via libera ministeriale.

La Provincia aveva già pianificato il maxi accorpamento del Pittoni gli anni scorsi, in particolare nel 2020, in occasione dei lavori di manutenzione, efficientamento e consolidamento strutturale degli spazi del Galilei, mettendo già in preventivo i 700.000 euro da destinare al progetto di unificazione delle due scuole.

L'accorpamento delle due sedi consentirà di innalzare il livello di sicurezza del patrimonio scolastico esistente, grazie alla realizzazione di edifici nuovi più efficienti rispetto al passato, di unificare due Istituti guidati dalla medesima Dirigenza e che fruiscono di laboratori in comune; di avvicinare gli Istituti superiori di Conegliano creando una sorta di “campus scolastico” ottimizzato, agevolando notevolmente studentesse, studenti e famiglie nei trasporti e negli spostamenti.

La progettazione esecutiva è pianificata entro fine 2022, l'aggiudicazione dei lavori per giugno 2023 e la conclusione per dicembre 2025.

 

Pubblicato in Altre news (homepage)

Il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, ha ricevuto oggi, venerdì 21 gennaio, nella sede del Sant'Artemio il nuovo Prefetto di Treviso, Angelo Sidoti. Durante l’incontro, Marcon e Sidoti si sono confrontati sulle istanze del territorio trevigiano, condividendo idee e progettualità per il futuro e rinnovando la volontà di portare avanti, rafforzandole, la sinergia e la collaborazione tra Istituzioni. In occasione dell'incontro, la Provincia di Treviso ha omaggiato il Prefetto con un libro fotografico dedicato al fiume Piave.

Oggi in Provincia di Treviso l’assemblea MoM per l’approvazione bilancio e il rinnovo del Cda. All’assemblea in videoconferenza governata dal presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, e dal presidente di MoM, Giacomo Colladon, hanno preso parte tutti i soci della MoM con grande partecipazione da parte dei sindaci. Il bilancio consuntivo è stato approvato e pure il Cda uscente è stato riconfermato in toto.

I rappresentati di Provincia, Comuni e altri soci hanno votato all’unanimità l’approvazione del bilancio consuntivo 2020, il bilancio di sostenibilità, oltre il rinnovo del Consiglio di Amministrazione e del collegio dei revisori. Giacomo Colladon, Cristina De Benedetti e Giuseppe Canova, membri del CdA uscente sono stati quindi riconfermati per un altro triennio.

“Mom ha dimostrato anche nell’anno orribile del trasporto pubblico non solo di riuscire a mantenere un equilibrio economico finanziario, raggiungendo anche un utile, ma anche la capacità di sapersi adattare all’emergenza, all’accavallarsi di DPCM e alle continue variazioni nelle direttive per il trasporto scolastico. Le scelte gestionali del Cda e dell’azienda tutta si sono tradotte in risposte puntuali e veloci verso il territorio – ha spiegato Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso – Vorrei sottolineare lo spirito di servizio del presidente Colladon che ha ricoperto il mandato e continuerà a ricoprirlo a titolo gratuito, mettendosi a disposizione delle nostre comunità.

I sindaci, uno ad uno, hanno voluto esprimere il rinnovo della fiducia verso un gruppo dirigente, e in particolare un presidente, che “ha saputo dimostrare enorme disponibilità verso le esigenze dei nostri territori”.

Entrando nel merito dei documenti economico-finanziari approvati, Colladon ha evidenziato come il bilancio 2020 chiude con un utile di 136.951 euro, nonostante il valore della produzione passi da 47 milioni del 2019 a 37 milioni, con una riduzione dei ricavi da titoli di viaggio di oltre 10 milioni di euro, solo parzialmente compensati dai ristori statali (pari ad attesi 4,5 milioni). I costi sono stati ridotti da 22 milioni a 18, così come il costo del personale da 26 a 24 milioni di euro. “Il risultato positivo – ha spiegato il presidente di MoM – è frutto non tanto del ristoro pubblico, ma di una oculata gestione che nei mesi difficili ha saputo contenere i costi gestionali, senza però arrestare gli investimenti”. Nel 2020 MoM ha immatricolato 56 autobus (tra nuovi e usati) e ne ha acquistati altri 16 in consegna nel 2021 (per un investimento di 7,3 milioni). Gli investimenti immobiliari per i nuovi depositi hanno raggiunto i 10 milioni. MOM ha messo inoltre in atto tutta una serie di misure a tutela della stabilità occupazionale sapendo bene che la forza lavoro è l’asset più importante della società. “Mai come in questo anno – ha concluso Colladon - il trasporto pubblico si è rivelato un servizio essenziale e strategico per lo sviluppo sostenibile del Paese. Non possiamo vivere di ristori, se il 2021 sarà un anno di galleggiamento, già dall’ultimo trimestre dobbiamo vedere un rilancio e una rinascita del TPL, con un ritorno dei passeggeri e una rinnovata fiducia anche verso importanti investimenti per la sostenibilità, che contiamo possano arrivare con il Recovery Plan”. Il Consiglio di Amministrazione punta a concludere i progetti già avviati su investimenti relativi al deposito di Castelfranco, alla nuova sede della società, alla nuova autostazione di Treviso e di Montebelluna. Tutti progetti fondamentali per creare quei presupposti che sono indispensabili per il consolidamento e il miglioramento di MOM.

Pubblicato in Altre news (homepage)

La Provincia di Treviso augura a tutte le Cittadine e a tutti i Cittadini BUONA PASQUA

Il Presidente
Stefano Marcon

Pubblicato in Altre news (homepage)

In occasione del 10 febbraio, Giorno del Ricordo per commemorare le vittime del massacro delle foibe e l'esodo giuliano-dalmata, la Provincia di Treviso ha organizzato una diretta in streaming trasmessa sulla propria pagina Facebook e sul proprio canale Youtube.

Sono intervenuti il Presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon e il giornalista e storico, Bruno De Donà. E' seguito un intervento di Amerigo Manesso dell'Istresco che ha presentato i contenuti della pubblicazione "Un esilio non voluto" di Luisa Tosi.

Durante la diretta sono comparse immagini concesse dall"Associazione Sassi del Piave" a cura di Eros Tonini.

Illustrazione tratta dalla copertina del volume "Un esilio non voluto" a opera di Alessandra Kerstulovich.

Per rivedere l'evento vai sul canale youtube della Provincia di Treviso

Continuano i sopralluoghi di Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso alle Scuole Secondarie Superiori per verificare i lavori svolti durante il 2020 e dialogare con i dirigenti scolastici in merito a quelli già previsti. La giornata odierna si è svolta a Conegliano, visitando prima l’IS Cerletti e successivamente l’IS Galilei. Al Cerletti Marcon ha visitato, in particolare, la nuova ala ristrutturata a efficientamento energetico nZEB (a energia quasi zero) e messa a norma antisismica che comprende 13 classi e 2 nuovi laboratori, assieme alla dirigente scolastica MariaGrazia Morgan, un investimento della Provincia che ammonta a oltre 1.041.680,00 euro. Al Galilei invece, accompagnato dal dirigente scolastico Salvatore Amato, il presidente ha visitato i lavori di ripristino delle aule allagate (240.000 euro) e pianificati i prossimi investimenti: oltre 6 milioni e mezzo di euro per l’adeguamento sismico e l’ampliamento in accorpamento al Pittoni.

“Abbiamo lavorato tanto, abbiamo fatto tanti sacrifici, abbiamo messo in campo tutte le energie e i fondi che potevamo per mettere in sicurezza le scuole superiori durante il 2020 – ha spiegato Marcon – qui a Conegliano gli investimenti sono stati importanti. Al Cerletti la nuova ala, messa a norma antisismica e ristrutturata in classe energetica nZEB praticamente a impatto ambientale zero, è senza dubbio un’ottima soluzione per gli studenti, sicura e spaziosa. E gli investimenti non sono finiti qui. Al Galilei l’opera di ripristino delle aule è solo il primo tassello di una grandissima operazione che vedrà la Provincia investire oltre 6 milioni e mezzo di euro per l’adeguamento antisismico della struttura, andando a realizzare anche un ampliamento che porterà a un accorpamento con l’edificio Pittoni, realizzando anche in questa zona un vero e proprio campus studentesco, che va dal Cerletti al Galilei al Pittoni, passando per il Da Collo dove grazie al Comune abbiamo realizzato un campo da basket e una pista di atletica. Credo che nessuna Provincia in Italia ha investito, e investirà così tanto (47 milioni nel prossimo triennio previsti a bilancio) nella scuola. Ringrazio quindi soprattutto il team tecnico della Provincia che in questi mesi ha fatto davvero i miracoli”.

“Ringrazio la Provincia per i lavori svolti, celeri nonostante il lockdown, non era scontato – ha detto la Morgan – questa sede rinnovata è sicura e funzionale, gli studenti la apprezzano e abbiamo anche potuto ricavare due laboratori enologia, così non dovremo più andare in esterna”.

“La nostra scuola è in continua espansione e i lavori svolti dalla Provincia sono fondamentali” ha dichiarato Amato.

L’IS Cerletti conta 1351 studenti divisi in 65 classi

· A settembre 2020 è stata rinnovata la convenzione con l’Università di Padova per mantenere i corsi.

· Durante i lavori di adeguamento sismico, la Provincia ha affittato gli spazi dell’Oratorio dei Santi Martino e Rosa fino al rientro nella nuova ala, spazi ora utilizzati dal Galilei sempre per i lavori previsti.

· La Provincia ha investito al Cerletti 1.041.680,00 euro per la ristrutturazione, l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico del Corpo B, altri 700.000,00 sono dedicati alla manutenzione straordinaria della copertura, la sostituzione dei serramenti e il rifacimento dei bagni per l’IPAA Cerletti a Piavon di Oderzo, inoltre è pronto lo studio di fattibilità per il miglioramento sismico del corpo A per 3 milioni di euro.

L’IS Galilei conta 1055 studenti divisi in 59 classi

· Per la realizzazione dei lavori di consolidamento strutturale e adeguamento sismico, la Provincia ha affittato per gli studenti gli spazi dell’Oratorio dei Santi Martino e Rosa.

· La Provincia di Treviso ha investito al Galilei 70.000,00 euro per il consolidamento strutturale dell’Ex Segreteria, 240.000,00 euro per il ripristino delle aule post allagamento, sono state affidate le progettazioni per i lavori di adeguamento sismico del Lotto A (2.998.600,00 euro) e per il Lotto B (2.998.600,00 euro) ed è stata affidata la progettazione per l’adeguamento sismico con ampliamento e accorpamento al Pittoni per 698.686,00 euro. Inoltre, è previsto il rifacimento dell’impianto termico per 267.144,36 euro.

Pubblicato in Altre news (homepage)

Continuano i sopralluoghi di Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso alle Scuole Secondarie Superiori per verificare i lavori i lavori in corso e dialogare con i dirigenti scolastici e i sindaci in merito a quelli già previsti. La giornata odierna si è svolta a Castelfranco Veneto e ha visto innanzitutto il sopralluogo all’ampliamento dell’Ipssar “Sartor”, poi ai lavori in corso all’ex convitto adiacente. Al Sartor il presidente, accompagnato dalla dirigente scolastica Antonella Alban e dal Consigliere Provinciale con delega alla scuola Alessandro Righi, ha visitato le nuove aule del fabbricato Nzeb a totale risparmio energetico, moderne e sicure, i cui lavori sono ammontati a 1.500.000 euro. Sempre vicino al Sartor, Marcon ha visionato i lavori del cantiere dell’Ex Convitto, attualmente in corso per la ristrutturazione e l’adeguamento antisismico per un importo complessivo di 2.173.222,00 euro, dove troveranno spazio altre 6 aule del Sartor.

È stata poi la volta della posa della prima pietra della nuova palestra dell’Istituto “Florence Nightingale”, operazione da oltre 3 milioni di euro (550.000 dal Comune, 1,8 milioni di fondi Miur e il resto fondi propri della Provincia) in carico alla ditta Dalla Libera di Castelcucco. La nuova palestra servirà la scuola ma non solo, disporrà infatti di una tribuna da 368 posti ed è omologata dal Coni per gare nazionali.

Al Nightingale, assieme a Marcon e Righi, erano presenti il Consigliere Regionale Nazareno Gerolimetto, che ha portato il saluto del Governatore Luca Zaia, i parlamentari Bisa, Coin, Paolin e Baratto, i progettisti Pelloia e Dal Corso, la dirigente scolastica Mariella Pesce, consiglieri provinciali, assessori e consiglieri comunali di Castelfranco, Vigili del Fuoco.

“I lavori al Sartor e all’ex Convitto danno il senso di una scuola di eccellenza che la Provincia ha voluto valorizzare ancor di più, mettendo in sicurezza gli spazi e gli studenti. Con l’operazione dell’ex convitto, poi, andremo a raggruppare anche le aule attualmente dislocate – ha detto Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso – Quella del Nightingale invece è un’operazione che segna uno spartiacque: la Provincia torna a re-investire, è una nuova fondazione. C’è un capitale umano che ha saputo raccogliere la sfida e ora abbiamo in programma tanti investimenti. Credo che nessuna Provincia in Italia ha investito, e investirà così tanto (47 milioni nel prossimo triennio previsti a bilancio) nella scuola. Ringrazio quindi soprattutto il team tecnico della Provincia che in questi mesi ha fatto davvero i miracoli, le maestranze, i sindaci, la Regione, i parlamentari, i presidi, gli studenti e tutto il corpo scolastico. Qui al Nightingale realizziamo una palestra che servirà gli studenti ma anche tutta la comunità e le associazioni, dato che si potranno disputare campionati nazionali”.

“Nell’emergenza covid abbiamo saputo reggere e, anzi, abbiamo approfittato per fare ancora di più, mettendo in sicurezza il più possibile le scuole della Marca Trevigiana” ha detto Righi.

“Vedere la Provincia attiva è un orgoglio per noi – ha detto Ingrid Bisa – perché è fondamentale che continui a lavorare sulla sicurezza delle scuole”.

“Ringrazio la Provincia che ci permetterà di fare attività motoria in piena sicurezza e in un impianto magnifico” ha detto la dirigente Pesce del Nightingale.

“La nuova ala è moderna e sicura, ora aspettiamo la fine dei lavori del convitto per riunire anche le 6 aule che attualmente abbiamo dislocate” ha detto la dirigente Alban del Sartor.

Pubblicato in Altre news (homepage)

Logo della Provincia di Treviso

Logo della Provincia di Treviso

Il Presidente della Provincia di Treviso

Contatti

Vai alla pagina del Dirigente
dell'Ufficio Progetti e Relazioni U.E.

L'ufficio è sito in:
Via Cal di Breda, 116 - 31100 TREVISO
[Edificio 1]

Tel +39 0422 656909
Fax +39 0422 656666
E-mail europa@provincia.treviso.it

Orari

Orari per telefonare
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00

Orari di ricevimento
lun - ven: 8:30 - 13:00
lun e mer: 15:00 - 17:00